Attilio

ATTILIO RUBBA
NATO: 21/12/1972
OCCHI: MARRONI
COLORE CAPELLI: CASTANI
SEGNO ZODIACALE: SAGITTARIO
CARATTERE: TRANQUILLO, AFFETTUOSO E PERMALOSO
HOBBY: INFORMATICA
STRUMENTO: PIANOFORTE

 

Ciao Attilio, come comincia la tua passione per la musica?

Ciao, la passione per la musica inizia a 12 anni suonando la batteria…

Ah... suonando la batteria?

Sì, ma durò poco dato che mio padre mi suggerì di suonare il pianoforte, perché questo strumento poteva darmi più alternative lavorative.
Ho frequentato per qualche anno il conservatorio e una scuola di pianoforte moderno, nel frattempo suonavo con orchestre da ballo. A 23 anni decisi di iniziare la professione e di trasferirmi a Piacenza per entrar a far parte dell’orchestra di Mauro Rizzi. Dopo 13 anni entrai nell’orchestra Beghini e lì ho avuto il piacere di conoscere Marco Beghetti, il mio attuale collega. Dopo 4 anni entrai con Ringo e Samuel, dove sono stato 2 anni, e nell'ottobre 2012, sono entrato nell’orchestra Galassi…

Ho sentito che ti sei trasferito, di dove sei?

Di Genova.

Come ti trovi con l’orchestra Galassi?

Bene: ho trovato una gran famiglia.

Attilio è vero che anche tu come Marco sei appassionato di un’orchestra da ballo che ha fatto la storia del liscio?

Oh sì, noi siamo dei gran appassionati della vecchia orchestra Castellina...

Attilio qual è il tuo pianista preferito?

Stefano Bollani.

La tua cantante preferita?

Mina.

Qual è il tuo attore preferito?

Alberto Sordi.

E il tuo film preferito?

Nuovo cinema paradiso.

Qual è il tuo piatto preferito?

Da buon genovese, le trenette al pesto con le patate!

Attilio, come deve essere la tua donna ideale?

Capelli castani, occhi marroni, non troppo magra... con le forme giuste al posto giusto, caratterialmente sensibile e amante della musica.

Attilio hai dei figli?

Sì, un maschio e una femmina.

Bene, l’intervista finisce qua, grazie mille per la tua disponibilità, a presto.

Grazie a te e un abbraccio forte a tutti i nostri fans. Vi aspettiamo alle nostre serate.

Ciao.

Ciao.

Sito realizzato a cura di DL Multimedia in collaborazione con Paolo Coveri www.paolocoveri.it