Matteo

MATTEO CORRADI
NATO IL 14 AGOSTO 1973
SEGNO ZODIACALE: LEONE
OCCHI: VERDI
COLORE CAPELLI: NERI
CARATTERE: TESTARDO, PRETENZIOSO, POSSESSIVO, DOLCE
HOBBY: GINNASTICA E INFORMATICA
STRUMENTO: TASTIERE E VOCE

 

Matteo, a che età inizia la tua strada della musica?

Quando avevo cinque anni.

Cosa ci racconti della tua carriera artistica?

E’ lunga la storia... La mia prima esperienza inizia a cinque anni e mezzo, partecipando alle selezioni Carraresi dello Zecchino D’oro con il brano “Non lo faccio più”. A otto anni ho iniziato a studiare il pianoforte, dopodiché tante serate e concorsi con il mio maestro di canto Carlo Cagnoli. Da nove a undici anni sono stato ospite al teatro tenda Alvaros, situato a Marina di Massa, dove hanno cantato i più grandi artisti degli anni '60: i Pooh, Massimo Ranieri, Franco Califano e tanti altri. E così il gestore di questo locale mi diede il soprannome "Reuccio della Versilia".
A quindici anni ho avuto il mio battesimo orchestrale con un gruppo locale chiamato "Opera Prima", dove si suonava musica anni '60; a diciannove anni sono entrato nel mondo del liscio con l’orchestra "Rossana e i Pic.Nic" e, successivamente, con l’orchestra "I Melody".
A ventiquattro anni ho attraversato il mondo dei generi alternativi blues, jazz e rock. A ventisei anni ho partecipato all'accademia musicale di Sanremo e, infine, a ventinove, sono entrato nella famiglia di Pietro Galassi, dove sto avendo un sacco di soddisfazioni sia dal punto di vista musicale sia lavorativo.

Qual è il tuo cantante preferito?

Il mio cantautore italiano preferito è Claudio Baglioni e, per quanto riguarda quello straniero, Freddy Mercury.

E il tuo pianista preferito?

Chick Corea.

Il tuo attore preferito?

Sylvester Stallone.

Qual è il tuo film preferito?

Rocky, tutta la serie!!!

Attualmente sei fidanzato?

Sì, e da poco sono diventato papà!

Che bello!
Matteo come deve essere la tua donna ideale ?

Mi piacciono tutte, ma preferisco le more con gli occhi chiari, di media statura, caratterialmente decise, determinate e, nello stesso tempo, molto dolci e ovviamente che accettino la mia vita artistica, che non è facile.

Qual è il tuo piatto preferito?

Mi piace tutto ma preferisco le lasagne al forno.

Matteo, io ti saluto, ci sentiamo presto e ti auguro un "in bocca al lupo" per la tua carriera artistica.

Ciao a tutti e un grosso bacio.

Sito realizzato a cura di DL Multimedia in collaborazione con Paolo Coveri www.paolocoveri.it