Valentina

NACCHINI VALENTINA, PER GLI AMICI: "VALE"
NATA IL 16 MARZO
SEGNO ZODIACALE: PESCI
OCCHI: AZZURRI
COLORE CAPELLI: BIONDI
CARATTERE: DETERMINATA, ALTRUISTA, DOLCE E AFFETTUOSA
HOBBY: IL BALLO
STRUMENTO: VOCE SOLISTA

 

Valentina, a che età inizia la tua passione per la musica?

A sei anni, studiando pianoforte, anche se il mio desiderio continuo era il canto. E così, all’età di 11 anni, la mia insegnante di pianoforte mi propose di far parte di un coro di bambini: lì incontrai per la prima volta Pietro Galassi, che era l’ideatore e l’insegnante ufficiale.
Entrai a far parte della cerchia dei suoi eletti: iniziò a darmi lezioni di canto, con la possibilità di partecipare in qualche occasione come ospite nelle sue serate; successivamente lui fu ingaggiato dalla famosa Orchestra Sandrino Piva e si trasferì a Piacenza.
Fu così che capii quale fosse il mio futuro. Iniziai a studiare molto seriamente canto; a 14 anni scrissi le mie prime canzoni e decisi così di dare l’esame alla Siae. Da quel momento in poi la passione divenne anche lavoro e a 15 anni iniziai con le prime serate di piano bar.
A 16 anni Pietro Galassi mi chiese di far parte del suo nuovo progetto: “Pietro Galassi Trio”, chiaramente fui molto felice di accettare.

Quindi, tu, Pietro e Roby siete stati i fondatori di questa orchestra?

Sì, non dimenticherò mai i momenti meravigliosi che noi tre abbiamo passato insieme professionalmente parlando, si intende. C’è sempre stata sincerità e il nostro motto era: discutere i problemi faccia a faccia. Questo è il principio che abbiamo cercato di insegnare anche ai ragazzi che successivamente sono entrati a far parte della nostra orchestra-famiglia.

Valentina, qual è la tua o il tuo cantante preferito?

Mina, Whitney Houston e il grande Renato Zero.

Qual è il tuo attore preferito?

Il mitico Leonardo Pieraccioni.

Qual è il suo film che ti è piaciuto di più?

Amo tutti i suoi film, ma se devo scegliere: “Ti amo in tutte le lingue del mondo”.

Qual è il tuo piatto preferito?

Be', sono una golosa di natura, quindi i miei piatti preferiti sono i dolci.

Cambiando argomento, come deve essere il tuo ragazzo ideale?

A me piacciono i ragazzi con i capelli castani e occhi azzurri, ma come tutti sappiamo, alla fine, il colore degli occhi non è importante: basta che siano espressivi, perché adoro guardare la persona che amo negli occhi. Caratterialmente dolce, deciso e non geloso!
Purtroppo nel mio lavoro non è contemplata la gelosia inutile.

Tu sei fidanzata?

No.

Bene io ti saluto e ti faccio tanti auguri per le prossime serate.

Ti ringrazio tanto, un bacio a tutti e venite a trovarci presto. Ciao.

Sito realizzato a cura di DL Multimedia in collaborazione con Paolo Coveri www.paolocoveri.it